SEI IN > VIVERE AGRIGENTO > CRONACA
articolo

Blitz antimafia nell'Agrigentino, colpiti i clan di Lucca Sicula e Ribera: 7 arresti

1' di lettura
10

Operazione antimafia dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 7 misure cautelari (4 in carcere, 2 ai domiciliari, 1 obbligo di firma) colpendo il mandamento mafioso di Lucca Sicula e Ribera.

Le misure cautelari sono state emesse dal gip del Tribunale di Palermo su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia. L’attività investigativa, condotta dai carabinieri agrigentini e coordinata dalla Dda di Palermo, è partita dalle indagini avviate successivamente all’omicidio di Vincenzo Corvo, avvenuto nel mese di aprile 2020 e per il quale non sono stati ancora individuati gli esecutori materiali.

Le indagini hanno però consentito di evidenziare la piena operatività del mandamento mafioso di Lucca Sicula e Ribera, retto da Salvatore Imbornone (finito in carcere) documentando numerose riunioni finalizzate ad acquisire in modo diretto e indiretto la gestione e il controllo di attività economiche, appalti e servizi pubblici, intervenendo sulle amministrazioni locali.

Dalle indagini è emersa l’ingerenza dell'associazione mafiosa sui lavori di completamento della rete fognaria di Ribera affidata ad una ditta di Favara con il coinvolgimento di un esponente della locale famiglia mafiosa. E sui lavori di manutenzione della SP 32, sui lavori sulla strada di collegamento Bivio Imperatore – Ponte Pedano e su quelli lungo il tratto stradale della SP 47, tra Villafranca Sicula, Ribera, Lucca Sicula e Burgio.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Telegram di VivereAgrigento
Per iscriversi gratuitamente al canale Telegram clicca qui o cerca @vivereagrigento
Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereAgrigento Seguici anche sui nostri canali social, Facebook e Twitter:
Facebookfacebook.com/vivereagrigento
Twittertwitter.com/VivereAgrigento


Questo è un articolo pubblicato il 08-03-2024 alle 12:10 sul giornale del 09 marzo 2024 - 10 letture






qrcode