SEI IN > VIVERE AGRIGENTO > CRONACA
articolo

Bancarotta fraudolenta, confiscato patrimonio milionario a imprenditore agrigentino

1' di lettura
96

La Guardia di Finanza di Agrigento ha dato esecuzione ad un provvedimento di confisca definitiva dei beni riconducibili ad un noto imprenditore agrigentino, che aveva causato una bancarotta fraudolenta aggravata, con danno nei confronti dei creditori per oltre 10 milioni di euro.

Per tali reati, nel 2016, l’imprenditore era stato tratto in arresto dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Agrigento nell’ambito dell’operazione denominata “Discount” coordinata dalla locale Procura della Repubblica. All’esito del procedimento, la Corte di Appello di Palermo ha disposto la confisca (divenuta definitiva) dei beni di proprietà delle società, riconducibili all’imprenditore, ancora dotate di cospicua patrimonialità, costituita mediante provviste finanziarie apportate illecitamente dalle altre società poi decotte e dunque derivanti da condotte distrattive.

Per la realizzazione di dette condotte delittuose l’imprenditore, servendosi, uti dominus, di schermi giuridici societari asserviti alle sue logiche criminose, si avvaleva di un meccanismo finanziario che prevedeva l’artificiosa erogazione di anticipazioni infruttifere, da parte dello stesso quale socio, nei confronti delle società avviate al fallimento, di cui diveniva così creditore, nonché dei successivi rimborsi delle anticipazioni, in tal modo generando flussi finanziari apparentemente legittimi, provenienti delle società destinate alla decozione, reimpiegati per operare consistenti investimenti immobiliari o per provvedere alle spese correnti di gestione.

La confisca, eseguita dai militari del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Agrigento ha riguardato, in particolare, le quote societarie di tre società, due centri commerciali di ampia estensione e tre appartamenti di pregio ubicati nelle provincie di Agrigento, Caltanissetta e Palermo, per un valore stimato in oltre dieci milioni di euro.



Questo è un articolo pubblicato il 19-05-2023 alle 16:58 sul giornale del 20 maggio 2023 - 96 letture






qrcode